Imprese Artigiane – finanziamenti con contributo conto capitale

Postato il

Il mutuo chirografario è un finanziamento a medio termine destinato a imprese e comunque a titolari di partita iva per il quale non è richiesta una garanzia di tipo ipotecario. Il finanziamento prevede, previa istruttoria sul merito creditizio del richiedente da parte del consorzio fidi, il rilascio da parte di quest’ultimo di garanzia alla banca erogante che, dopo avere istruito a sua volta la richiesta, delibera il finanziamento, richiedendo l’apertura di conto corrente presso uno dei suoi sportelli territorialmente vicino all’impresa.

ARTIGIANI

Particolare attenzione è prevista per gli artigiani. La Regione Sicilia prevede infatti che oltre al contributo conto interessi fissato nell’ordine del 60% sul tasso applicato, se l’impresa è artigiana, riconosce un contributo pari al 10% della quota capitale richiesto.

Per ogni ulteriore informazione circa le modalità di richiesta, rimandiamo alla pagina “imprese” e “mutui chirografari”.

Annunci

Finanziamenti Imprese – tempi di erogazione

Postato il Aggiornato il

La nostra storia più o meno recente conferma che di fronte agli ostacoli legati alla burocrazia, ai grandi e complessi consorzi fidi, i nostri clienti riescono nella loro “impresa”, cioè ottenere un finanziamento dalle banche e velocemente. La soluzione rapida nasce dal fatto che un cliente non solo è tale e va trattato in maniera assolutamente professionale, ma vuole ottenere un prestito e nel più breve tempo possibile. I ritardi in alcuni casi mettono in serie difficoltà l’azienda.

corporate loans

Il nostro consorzio è sensibile alla necessità e sviluppa le condizioni perché i tempi siano brevissimi. E’ vero, è pur sempre un mutuo chirografario. La banca che prende in carico la richiesta, la istruisce con i propri tempi tecnici che normalmente si aggirano a trenta giorni. Ma seguiamo attentamente gli sviluppi nel corso d’istruttoria. Accade spesso che la tempistica si protragga per cause legate all’interessato al finanziamento. Una successiva richiesta di documentazione in corso d’istruttoria spesso allunga i tempi di conclusione, perché il cliente non esercita la necessaria pressione al proprio consulente amministrativo per evadere tale richiesta.

Abbiamo fatto questa precisazione perché in fase di preistruttoria la domanda che viene inevitabilmente rivolta è: quanto tempo occorre per l’erogazione?

Dal primo incontro sicuramente due mesi perché la documentazione non ci viene rilasciata integralmente prima di due settimane. Il Consorzio entro le due settimane successive delibera la garanzia a favore della banca che da quel momento prende in consegna la pratica fino alla conclusione.

Non va dimenticato che il cliente spesso distingue, la sua situazione finanziaria aziendale con quella personale. Non è così! Il consorzio e la banca prima di procedere all’istruttoria verificano in banca dati lo stato di solvenza aziendale e personale del titolare e/o dei soci. Semplici ritardi anche per distrazione di pagamento di banali rate d’acquisto di un semplice elettrodomestico, pregiudicano il finanziamento.

Ed è per questo che in fase preliminare durante l’intervista vogliamo che il cliente fornisca ogni dettaglio sulla regolarità dei pagamenti presenti e recenti.

per maggiori informazioni contattaci

Antonio Liga

MUTUO CASA

Postato il Aggiornato il

Il mutuo ipotecario è un finanziamento a lungo termine, generalmente finalizzato all’acquisto di immobili.
Formalmente si tratta di un contratto con il quale la banca consegna al mutuatario una somma di denaro, che quest’ultimo si impegna a restituire con gli interessi entro una certa data e tramite rimborsi normalmente mensili o semestrali.

mutuo

Il contratto di mutuo più diffuso è quello legato ad acquisto prima casa. Esistono diversi prodotti studiati per rispondere a ogni esigenza. Le banche possono concedere mutui fino a coprire l’intero valore dell’Immobile, ma normalmente coprono fino all’80%. E’ possibile richiedere un mutuo anche per l’acquisto di immobili diversi dalla propria abitazione, come ad esempio box, pertinenze dell’abitazione principale. Inoltre, contestualmente o in seguito all’acquisto della casa è possibile richiedere un mutuo per finanziare opere di ristrutturazione, ampliamento o ammodernamento.

 La durata del finanziamento è legata alla rata sostenibile da parte del mutuatario, normalmente si tratta di lungo termine ed è possibile scegliere tra l’applicazione di tasso fisso o variabile.

La banca a garanzia, oltre alla solvibilità reddituale del mutuatario, si avvarrà anche dell’ipoteca sull’immobile.

Durante la fase d’istruttoria, la banca chiederà la perizia dell’immobile per valutarne l’idoneità e il valore reale.

 • La documentazione da presentare è la seguente:

Situazione reddituale in corso

Documento personale e codice fiscale

Visura catastale immobile

Planimetria immobile

Atto di proprietà

Contattaci per ulteriori informazioni

FINANZIAMENTI A NUOVE IMPRESE

Postato il Aggiornato il

AZIENDE START-UP

Le nuove piccole imprese che volessero affacciarsi al credito agevolato attraverso STAR FIN devono essere costituite da meno di due anni. Sia che si tratti di imprese individuali o di società è necessario almeno avere comunicato alla Camera di Commercio l’inizio di attività.

Star Start-up 2

Le piccole imprese possono ottenere un finanziamento fino a 25 mila euro. E’ comunque necessario affiancare una garanzia attraverso persona fisica o personale proprietà immobiliare.

La documentazione da produrre oltre a modello unico e bilancio provvisorio se nel frattempo maturati dall’inizio dell’attività, certificato camerale, attribuzione partita iva, documento d’identità e codice fiscale del titolare, dei soci e legale rappresentante, la documentazione della garanzia prestata dalla persona fisica o della garanzia reale.

A causa delle soluzioni di credito costantemente in evoluzione. Chiunque intendesse affacciarsi a credito per aziende START-UP. Consigliamo di scriverci alla pagina “Contatti” indicando le vostre esigenze, saremo lieti di ricontattarvi per offrirvi la soluzione in quel momento più adatta e favorevole.

Contattaci per ulteriori informazioni

PRESTITI PERSONALI

Postato il

Attraverso rinomati enti finanziari permettiamo la concessione di finanziamenti destinati al consumo per privati cittadini e famiglie fino a 30 o 60 mila euro e restituibili fino ad un tempo massimo di 10 anni, purché il richiedente non risulti protestato e che abbia una storia creditizia di assoluta solvibilità oltre naturalmente ad un reddito dimostrato.

A seconda delle motivazione possono essere richiesti ulteriori documenti oltre ai seguenti:

  • ultimo CUD o modello Unico
  • gli ultimi due cedolini paga
  • documento identità e codice fiscale

È facoltà dell’ente erogante richiedere l’intervento di un garante.

Star prestiti personali

Contattaci per ulteriori informazioni

MUTUI IPOTECARI

Postato il

IMPRESE

Il mutuo ipotecario può essere richiesto dalle imprese di qualsiasi attività commerciale, è un finanziamento a lungo termine destinato a realizzare opere di investimento inerenti all’attività a seguito di acquisto di beni, di immobili e grandi opere di ristrutturazione e ammodernamento di entità tale, solitamente oltre i 140 mila euro, dove la banca richiede l’ipoteca su immobile.

Star ristrutturazione

Come per i mutui chirografari è prevista l’istruttoria sul merito creditizio del richiedente da parte del consorzio fidi, il rilascio da parte di quest’ultimo di garanzia alla banca erogante che, dopo avere istruito a sua volta la richiesta, delibera il finanziamento, richiedendo l’apertura di conto corrente presso uno dei suoi sportelli territorialmente vicini all’impresa.

La procedura prevede un’analisi preliminare della richiesta in ordine alle caratteristiche dell’azienda, dell’ubicazione, la competenza e il suo know how nel settore dove esercita la sua attività, le finalità della richiesta, e non meno importante se l’azienda, il titolare o soci dell’impresa hanno sempre onorato puntualmente i loro finanziamenti, aziendali e personali.

Il consorzio fidi si pone a garanzia del 50% della somma richiesta da una parte, dall’altra il consorzio ottiene dalla banca l’applicazione di tasso di interesse in essere più basso delle condizioni ordinarie di mercato. Non ultimo, a restituzione ultimata del finanziamento e attraverso fondi Regione Sicilia, sarà restituito all’impresa il 60% degli interessi pagati.

La richiesta di finanziamento può essere avviata ed estinguibile tra i 10 e 15 anni

L’istruttoria prevede l’esame della seguente documentazione standard. Tuttavia il consorzio fidi e/o la banca possono richiedere ulteriore documentazione a loro discrezione in corso di istruttoria:

 

• documentazione richiesta per le società:

Modello unico societario e bilancio degli ultimi due anni

Bilancio provvisorio

Modello unico personale dei singoli soci degli ultimi due anni

Atto costitutivo

Certificato camerale

Attribuzione partita iva

Documento personale e codice fiscale dei singoli soci

Visura catastale immobile

Planimetria immobile

Atto di proprietà

Preventivo lavori in caso di acquisto con ristrutturazione

 

• documentazione richiesta per le ditte individuali:

 Modello unico del titolare degli ultimi due anni

Conto economico provvisorio

Certificato camerale

Attribuzione partita iva

Documento personale e codice fiscale

Visura catastale immobile

Planimetria immobile

Atto di proprietà

Preventivo lavori in caso di acquisto con ristrutturazione

Contattaci per ulteriori informazioni

Cessione del quinto dello stipendio

Postato il

La cessione del quinto dello stipendio è una forma di finanziamento che non richiede una finalità specifica. Non necessariamente rivolto all’acquisto di beni. Esso può durare fino a 10 anni e la restituzione della somma finanziata avviene attraverso la trattenuta della somma prevista dal contratto, effettuata dal datore di lavoro dallo stipendio del lavoratore o dall’INPS e versato all’ente finanziatore.

cessione_delquintoLa cessione del quinto dello stipendio è rivolta ai dipendenti pubblici, pensionati e lavoratori dipendenti di aziende private. Possono richiedere quindi la cessione del quinto anche i dipendenti delle aziende private, ma l’ente finanziatore si riserva la possibilità di valutare le garanzie. Le aziende private sono valutate per il capitale sociale, il numero di dipendenti e soprattutto si guarda se in passato hanno autorizzato altri contratti di cessioni ai propri dipendenti e verificarne la regolarità nei versamenti nel corso del tempo.

La cessione del quinto dello stipendio non può superare in termini di restituzione mensile 1/5 dello stipendio al netto delle ritenute (20% dello stesso).

La cessione può coesistere con altri prestiti aventi simili modalità di rimborso, come, ad esempio, la delegazione di pagamento: in questa eventualità, l’importo massimo erogabile è ulteriormente estendibile e la somma delle rate può raggiungere una quota dello stipendio/pensione pari a 2/5 (cioè il 40%)

L’ente finanziatore erogante deve stipulare una polizza assicurativa per il rischio vita e/o rischio impiego del lavoratore/pensionato che tutela il finanziatore nel caso di morte o di perdita del lavoro; il finanziatore ha il privilegio sul TFR per i dipendenti privati. Il costo delle coperture e degli oneri accessori previsti grava sul lavoratore.
Particolare citazione merita la nostra operatività nei confronti dei pensionati. I nostri sistemi telematici sono abilitati a ottenere dall’Inps la “quota cedibile” del pensionato, evitando allo stesso spostamenti e lungaggini burocratici, dispendio di risorse anche economiche.

Infine, e non meno importante, precisiamo che i nostri tassi di soglia applicati per i pensionati sono i tassi imposti dalla direzione dell’INPS

Contattaci per ulteriori informazioni